Programmi di elaborazione

< Indietro


Informazioni generali

 

Per programma di elaborazione si intente, nelle procedure XS, una funzionalità che opera su un gruppo di registrazioni omogeneo, selezionate in base a criteri determinati dall’operatore, e applica a ciascuna di queste delle operazioni sia individuali che complessive.

 

Tipicamente si tratta di programmi di stampa, che presentano liste più o meno dettagliate dei dati presenti negli archivi anche integrati con altre registrazioni collegate e/o con elaborazioni matematiche delle informazioni presenti. Questo tipo di funzionalità non altera in nessun modo quanto presente negli archivi. Alla stessa categoria appartengono anche i programmi che creano, invece, nuove registrazioni o alterano registrazioni esistenti in base a quanto esaminato. In alcuni caso lo stesso programma può comportarsi in uno dei due modi secondo i parametri di avvio.

 

La caratteristica che accomuna queste funzionalità è la modalità operativa, che è generalmente schematizzata in:

1. immissione dei parametri per la selezione dei dati da elaborare e delle opzioni relative
2. analisi ed elaborazione dei dati
3. generazione dei risultati

 

In alcuni casi le fasi 2 e 3 sono contestuali, specie se si tratta di applicare modifiche agli archivi.

 

L’immissione dei parametri (fase 1) utilizza le stesse convenzioni dell’immissione dei dati nei programmi di gestione. In questo caso, però, non si modificano le informazioni associate ad una voce, ma si impostano dei valori di lavoro che verranno impiegati per l’elaborazione; non esiste un codice identificativo dei dati, che è implicito nell’utilizzo di una particolare funzionalità.

 

Nell’esempio sotto, la Stampa delle descrizioni del Piano dei Conti (un programma di stampa tra i più semplici): negli Estremi di Stampa è possibile indicare i limiti inferiore e superiore del codice del piano dei conti per le voci che si intende stampare. Le altre impostazioni consentono di selezionare le voci incluse nell’intervallo in base ad altri criteri (in questo caso allo stato di movimentazione o meno del singolo conto esaminato), oppure di personalizzare il risultato della stampa prodotta.

Un esempio semplice (ma non elementare) di programma di elaborazione

Un esempio semplice (ma non elementare) di programma di elaborazione

 

Facendo clic sul pulsante OK, o sul simbolo della barra degli strumenti si avvia l’elaborazione.

 

In molti programmi di elaborazione le informazioni immesse, se confermate, vengono memorizzate per essere riproposte alla successiva attivazione (salvo parametri il cui valore dipende da altri fattori, come la data del giorno). La memorizzazione è separata per ogni singolo utente della procedura.

 

Come per i programmi di gestione, se i parametri di elaborazione sono eccessivamente numerosi, viene impiegata una suddivisione in schede.

 

Richiesta di estremi

 

La richiesta di estremi consente di limitare l’elaborazione ad un intervallo di registrazioni ben determinato. Il caso classico è l’indicazione dei valori minimo e massimo per alcune informazioni caratteristiche delle voci da esaminare (tipicamente codici, descrizioni, …). Le voci incluse saranno quelle che soddisfano tutti gli estremi indicati.

 

Lasciando vuoto un estremo si intende “non limitato”. Nell’esempio sopra è esplicitamente riportato a fianco dell’immissione.

 

Un’altra modalità di selezione è “uno/tutti”: sono parametri che consentono, per esempio, di includere le voci che hanno un valore specifico per una caratteristica, o qualsiasi valore se non si imposta.

 

Se l’archivio sottostante lo prevede, e la scelta ha un senso per il tipo di elaborazione, potrà essere indicato il criterio di ordinamento con il quale scorrere le registrazioni.

 

Selezioni esterne

 

Per alcuni archivi di utilizzo più comune, e per i quali i criteri di selezione degli elementi possono variare molto in base alle esigenze di lavoro, sono state previste articolate funzionalità di scelta degli elementi da elaborare. L’utilizzo di queste funzionalità in tutti i programmi di elaborazione consente di operare in maniera ortogonale su un gruppo arbitrario di elementi.

 

I casi come questo la selezione degli “estremi di elaborazione” come quello esemplificato sopra è sostituita da una fase aggiuntiva tra la prima e la seconda. Nell’esempio sotto la stampa generica delle informazioni dei clienti, che contiene solo alcune opzioni specifiche – confermando queste appare la finestra di “Selezione clienti” che permette di scegliere con precisione “chi” stampare (nell’esempio tutti i clienti con codice compreso tra “01.1” e “01.100” residenti nella regione Toscana ed elaborati in ordine alfabetico di denominazione)

 

La stampa delle rubriche clienti. Notare che la selezione dei clienti non è presente nelle impostazioni ...

La stampa delle rubriche clienti. Notare che la selezione dei clienti non è presente nelle impostazioni …

 

... in quanto la scelta dei clienti da elaborare viene effettuata subito dopo la conferma utilizzando l'apposita funzionalità standard.

… in quanto la scelta dei clienti da elaborare viene effettuata subito dopo la conferma utilizzando l’apposita funzionalità standard.

 

 

Inoltre, l’eventuale pulsante “Selezioni multiple” consente, tramite una visualizzazione a griglia, di scegliere manualmente  e singolarmente le voci da includere.

 

Le funzionalità di selezione esterna è prevista attualmente per Clienti e Fornitori (Contabilità e tutte le procedure collegate) e per gli Articoli di Magazzino.

 

Interruzione dell’elaborazione

 

Per natura, i programmi di elaborazione richiedono del tempo per portare a termine la propria esecuzione. Per questo motivo, una volta avviato il processo, nella parte inferiore della finestra del programma (oppure su una finestra separata) viene visualizzata la barra di avanzamento del processo, le informazioni relative all’elemento trattato, ed un pulsante per l’interruzione dell’operazione.

La barra di avanzamento può presentarsi sottoforma di un “termometro” (cambiando progressivamente colore in modo proporzionale al completamento dell’operazione) oppure come un semplice “noise” (in cui è rappresentato solo il movimento oscillante per rendere visibile l’avanzamento del processo di esecuzione):

 

procedimento in corso di esecuzione: è visibile nella parte inferiore la barra di avanzamento a termometro e il pulsante "interrompi"

procedimento in corso di esecuzione: è visibile nella parte inferiore la barra di avanzamento a termometro e il pulsante “interrompi”

altro procedimento in corso di esecuzione: la barra di avanzamento è di tipo noise: non è possibile calcolare la percentuale di completamento

altro procedimento in corso di esecuzione: la barra di avanzamento è di tipo noise: non è possibile calcolare la percentuale di completamento

 

Facendo click sul pulsante “Interrompi” verrà richiesto all’utente la conferma di interruzione del procedimento e – in caso di risposta affermativa – il programma interromperà l’esecuzione appena possibile.

 

Richiesta di interruzione visualizzata dopo la pressione del pulsante "Interrompi"

Richiesta di interruzione visualizzata dopo la pressione del pulsante “Interrompi”

Condividi:
Share
Table of Contents