Impostazioni stampa PDF

< Indietro

Tramite questo programma è possibile modificare la modalità con cui la procedura effettua la stampa dei documenti PDF.

L’anteprima dei documenti, così come l’eventuale stampa avviata dall’anteprima, non è influenzata da queste impostazioni.

 

ATTENZIONE:

Le impostazioni gestite da questo programma sono memorizzate nei REGISTRI DI WINDOWS del posto di lavoro dove viene attivato, e diverranno valide per tutte le sessioni (anche di altre varianti della procedura), e per tutti gli utenti connessi.

 

Le impostazioni avranno EFFETTO IMMEDIATO.

 

La modifica di queste impostazioni deve essere effettuata dietro supervisione del personale tecnico e solo per la risoluzione di problemi specifici. Esiste un solo indicatore, che stabilisce quale tra le modalità possibili di stampa deve essere utilizzata.

 

In condizioni normali l’ndicatore deve avere il valore “Predefinito”.

 

 

La modalità di stampa può essere selezionata tra le seguenti modalità:

 

Predefinita (colloquio DDE con Adobe Reader)

 

La procedura determina automaticamente, tramite i registri di windows, quale software è delegato alla gestione dei documenti PDF (normalmente è Adobe Reader o Adobe Acrobat, ma in teoria può essere qualsiasi altro software compatibile), che viene avviato se non è già in esecuzione.

Successivamente vengono inviati al suddetto software i comandi necessari per la stampa di un documento sulla stampante richiesta tramite le funzioni di Windows di DDE (Dynamic Data Exchange).

 

Questa è la modalità predefinita, ed è anche la modalità consigliata da Adobe per effettuare questo tipo di operazioni.

 

Letture PDF locale (Sumatra PDF)

 

Questa possibilità non è disponibile se si è connessi con tecnologia Thin-Client.

 

Viene utilizzato un software di visualizzazione PDF installato assieme alla procedura (Modulo XSJAVA).

Nella fattispecie è stato scelto Sumatra PDF per la sua velocità e la ridotta occupazione di spazio su disco.

 

La versione attualmente impiegata è la 1.1. Notare che, come tutti i software di lettura PDF non prodotti da Adobe, è possibile che alcune caratteristiche avanzate dei documenti PDF non siano gestite.

 

Sumatra PDF è un software libero scritto principalmente da Krzysztof Kowalczyk.

È rilasciato con licenza GPLv2 (vedi il testo della licenza originale, o la sua traduzione in italiano ), ed è disponibile gratuitamente e senza garanzie all’indirizzo http://blog.kowalczyk.info/software/sumatrapdf/ . Allo stesso indirizzo è disponibile il codice sorgente.

 

Sumatra PDF viene fornito assieme al modulo XSJAVA come servizio all’utente finale.

 

Shell di Windows

 

Utilizza lo stesso meccanismo di sistema impiegato da Windows Explorer (“esplora risorse”) per stampare un documento qualsiasi su una stampante specifica, richiamando una apposita funzionalità di sistema.

 

È necessario che sia stato installato correttamente nel proprio computer un software in grado di rispondere a questo comando (normalmente l’installazione di Adobe Reader effettua questa operazione).

 

Comando di stampa alternativo 1 … 9

 

La procedura prevede l’impiego di comandi alternativi, numerati da 1 a 9, che devono essere però configurati preventivamente nel sistema. La creazione di questi comandi deve essere effettuata da personale tecnico qualificato.

 

Le selezioni corrispondenti sono attive solo se tali comandi risultano presenti.

 


COME SCEGLIERE LA MODALITÀ DI STAMPA

(e perché modificarla)

 

Ci sono varie motivazioni per utilizzare una modalità di stampa dei documenti PDF al posto di un’altra. Quale sia più appropriata dipende ovviamente dal contesto: quanto viene utilizzata, su che tipo di computer e per quali tipi di documenti.

 

Per facilitare la scelta, ecco un elenco dei pro e dei contro di ogni modalità:

 

Predefinita (Colloquio DDE con Adobe Reader)

 

PRO

utilizza Adobe Reader, e quindi è in grado di interpretare correttamente tutti i documenti PDF validi;
se Adobe Reader è già presente in memoria, non viene attivato nuovamente ma la richiesta di stampa viene inviata alla copia già attiva;
funziona sia con Adobe Reader che con Adobe Acrobat, quale dei due sia il software predefinito per l’apertura dei documenti PDF;
la tecnologia DDE (Dynamic Data Exchange) di Windows è consolidata da tempo e verrà ragionevolmente mantenuta per le prossime versioni dei sistema operativo;
il colloquio tramite DDE è documentato da Adobe e consigliato per questo tipo di operazione;
è teoricamente possibile utilizzare un software diverso da Adobe Reader/Acrobat, a patto che questo sia completamente compatibile in fatto di comunicazione DDE;
Adobe Reader è un software scaricabile gratuitamente dal sito Adobe, che (nel suo interesse) lo mantiene aggiornato e disponibile per i sistemi operativi più diffusi;
Adobe Reader è comunque un software utile al di fuori da SISCOXS®, ed è probabilmente già presente sulla maggior parte dei posti di lavoro;

 

CONTRO

se Adobe Reader non è già in memoria, viene lanciato automaticamente. Questa operazione può richiedere diverso tempo data la complessità del software;
inviando il comando di stampa documento ad Adobe Reader, questo visualizza la sua finestra in primo piano, nascondendo quella della procedura. Questo comportamento è noto e riconosciuto da Adobe, e non è possibile aggirarlo;
se Adobe Reader viene lanciato dalla procedura, questa – al termine dell’operazione di stampa – ne richiederà la chiusura inviando l’apposito comando DDE: questo viene però ignorato dalle versioni di Adobe Reader attualmente testate: è necessario tornare manualmente alla procedura (notare che nel caso fosse accettato correttamente, si dovrebbe ad ogni stampa attivare nuovamente il Reader, con conseguente ritardo nelle operazioni);
se si stà utilizzando Adobe Reader indipendentemente (anche allì’interno, per esempio, di Internet Explorer), e questo stà visualizzando una finestra secondaria (stampa, preferenze, …), ignorerà i comandi di stampa.

 

Lettore PDF locale (Sumatra PDF)

 

PRO

il lettore/visualizzatore Sumatra PDF è estremamente rapido;
una versione del lettore viene installata assieme alla procedura, non è necessaria un installazione su ogni posto di lavoro;
la stampa avviene tramite parametri su linea di comando: è quindi tecnicamente molto semplice e non dipendente da eventuali problemi configurazione software;
la stampa viene eseguita completamente in “background”, vale a dire che Sumatra PDF non interferisce con l’operatore durante la stampa (compare solo un pulsante nella barra delle applicazioni);

 

CONTRO

Sumatra PDF potrebbe non riconoscere tutte le possibili (e numerose) caratteristiche dei documenti PDF, quali gli oggetti semi-trasparenti, le sfumature graduali di colore e la calibrazione del colore in fase di stampa: questo significa che un documento stampato/visualizzato con SumatraPDF può apparire diverso da come viene interpretato da Adobe Reader; essendo inoltre un prodotto pensato per la sola visualizzazione potrebbe non gestire correttamente funzionalità come campi modulo, firme digitali, files allegati, “collezione” di documenti, eccetera.
in quanto software non scarsamente diffuso, non se ne conoscono potenziali problemi (e soprattutto le relative soluzioni) con le varie configurazioni e versioni di Windows;
come software Open-Source scritto da volontari, non viene fornito con alcuna garanzia di funzionamento, né è possibile aspettarsi una tempestiva soluzione ad eventuali problemi particolari;

 

Shell di Windows

 

PRO

utilizza lo stesso meccanismo di “Windows Explorer” (Esplora Risorse) per stampare un documento PDF su una stampante specifica;
viene utilizzato Adobe Reader o Acrobat, quale che sia configurato per la stampa di documenti PDF con la conseguente qualità del risultato;
è possibile utilizzare visualizzatori PDF alternativi, purché correttamente configurati, che supportino la stampa da Windows Explorer;
con Adobe Reader in questo caso non viene utilizzato il colloquio DDE, ma viene lanciato ogni volta: non si sovrappone alla procedura durante la stampa;

 

CONTRO

con Adobe Reader in questo caso non viene utilizzato il colloquio DDE, ma viene lanciato ogni volta: il tempo di esecuzione della stampa potrebbe essere lungo;
pur documentando questa funzionalità, Adobe non ne raccomanda l’utilizzo;

 

Comando di stampa alternativo 1…9

 

PRO

può essere configurato per l’utilizzo di software specifico e non previsto da Convergence Evolution (p.e. GhostScript);
può essere ottimizzato per postazioni e stampanti particolari;
può essere utilizzato per operazioni che simulano o integrano la stampa;

 

CONTRO

la preparazione dei comandi di stampa alternativi assume una approfondita conoscenza tecnica del sistema operativo, della procedura e del software terzo che si intende utilizzare;
la preparazione dei comandi di stampa è effettuata modificando manualmente i registri di configurazione di Windows, con conseguente rischio di danneggiamento del sistema;
Condividi:
Share
Table of Contents